I "Berlingozzi" del Casentino

I "Berlingozzi" del Casentino

I "Berlingozzi" del Casentino

Si chiamano "Berlingozzi", ma da più parti li sentirete chiamare solo "Ciambelli". Questi dolci tipici del Casentino, trarrebbero il nome dal "Berlingaccio", ossia il giorno del giovedì grasso. Ma, almeno ai giorni nostri, sono dolci tipicamente pasquali. Un tempo, segnavano insieme ad altre leccornie (come la "panina", le "spume" e così via) la fine della Quaresima e l'arrivo della gioiosa Pasqua.

Si preparavano spesso in forni comuni, che esistevano fino a pochi anni fa in diverse località della valle, soprattutto nelle frazioni montane. Al forno, tirato a lucido con gli "sciormenti" (residui della potatura delal vite), si alternavano le massaie coi loro impasti preparati a casa, e l'aria d'intorno si riempiva di profumi deliziosi, annunciando che anche per il corpo, dopo i duri giorni di penitenza quaresimale, sarebbe toccata una gioia pari a quella dello sprito, quanto mai rinfrancato dal messaggio della Resurrezione.

Anche per questo prodotto esistono tante ricette personalizzate e non ce n'è una che valga ovunque, in Casentino o in Toscana. Ci vogliono uova, farina, zucchero, olio e poi parte la fantasia: chi usa l'anice (i più), chi frutta candita, chi vaniglia, secondo usanze e costumi locali. Non si usa il lievito, i ciambelli vengono lessati, ben asciugati e infine infornati. I ciambelli croccanti all'esterno e morbidi internamente, e danno un gusto originale che rimanda a questa terra e alle sue colture. Conservati in recipienti chiusi possono durare a lungo mantenendo la loro bontà.

Lo si sapeva già in Toscananel quindicesimo secolo, quando il Rinascimento fiorentino trionfava sotto la spinta di Lorenzo l Magnifico, che scriveva nel "Canti Carnascialeschi": "Donne, noi siam giovani fornai / de l'arte nostra buon' maestri assai /Noi facciam berlingozzi, e zuccherini" (Lorenzo de' Medici, Canzona de' fornai). D'altronde si sa, Lorenzo de' Medici aveva un debole per il Casentino, e ne apprezzava molto anche il vino. Ma questa è un'altra storia, che vi racconteremo a tempo debito.


comments powered by Disqus

Ultimi post

  • Emma Perodi

    Mer 6 Dicembre 2017

    E' passato esattamente un secolo dal giorno della scomparsa di Emma Perodi, l'autrice delle" …

  • Il Casentino e i suoi mulini ad acqua

    Mer 6 Dicembre 2017

    Dove la corsa scellerata al progresso e alle sue molte chimere non ha ancora portato via tutto, …